Dichiarazioni di Intento

Nuovo modello per Dichiarazioni di Intento

L’Agenzia delle Entrate, con Risoluzione n.120 del 22/12/16, ha fornito chiarimenti sia sull’utilizzo del nuovo che del vecchio modello per la Dichiarazione di Intento.

Per le operazioni di acquisto da effettuare a partire dal 1 marzo 2017 ha stabilito un nuovo modello di tracciato, approvato il 2 dicembre scorso.

Per le operazioni di acquisto effettuate fino al 28 febbraio 2017 occorre utilizzare il modello attualmente vigente. Questo modello resta valido anche per le operazioni che saranno effettuate dopo il 1° di marzo, a condizione che siano compilati i campi 1 o il campo 2 e non i campi 3 e 4:

  • Campo 1 Una sola operazione per un importo fino ad Euro
  • Campo 2 Operazioni fino a concorrenza di Euro

Nel caso in cui siano stati compilati i campi 3 e 4 ‘operazioni comprese nel periodo da…’, indicando un periodo che termina oltre il 28 Febbraio (ad esempio dal 01/01/2017 al 31/12/2017) la dichiarazione sarà valida solo per le operazioni che avverranno fino a questa data. Per le operazioni di acquisto a partire dal 1° Marzo 2017 occorrerà quindi presentare un’altra dichiarazione conforme al nuovo modello.

Sul nuovo modello particolare attenzione deve essere riservata alla verifica dell’importo complessivamente fatturato senza IVA dal soggetto che riceve la dichiarazione, che non deve mai eccedere quanto indicato nella dichiarazione di intento al campo 2, nella sezione Dichiarazione. Se l’esportatore abituale, nello stesso periodo di riferimento, vuole acquistare senza IVA per un importo superiore a quello inserito nella Dichiarazione d’Intento presentata, ne deve produrre una nuova, indicando esclusivamente l’ulteriore ammontare rispetto a quello precedentemente riportato fino a concorrenza del quale si intende continuare ad utilizzare la facoltà di effettuare acquisti senza IVA.

Centro Software sta adeguando le proprie procedure ai fini di renderle conformi alle nuove disposizioni di legge, ricordando che tale adeguamento è rivolto sia alle imprese che emettono Dichiarazioni di Intento sia a quelle che ricevono le Dichiarazioni di Intento. Quest’ultime che saranno obbligate a controllare nel processo attivo (bollettazione/fatturazione) il non superamento della soglia plafond.

Ecco nel dettaglio le varie casistiche.

Clienti che EMETTONO Dichiarazioni di Intento

  • I clienti che emettono Dichiarazioni di Intento e che hanno già acquistato il modulo Dichiarazione di Intento per l’anno 2017 saranno richiamati da Centro Software per installare un aggiornamento della procedura (installazione e formazione a consuntivo, alle tariffe in uso).
  • Chi emette Dichiarazioni ma non ha ancora acquistato il modulo è invitato a procedere (a questo link)

Clienti che RICEVONO Dichiarazioni di Intento

  • I clienti che ricevono Dichiarazioni Intento dal 1° di Marzo devono prestare particolare attenzione alla verifica dell’importo complessivamente fatturato senza IVA dal soggetto che riceve la dichiarazione, che non deve mai eccedere quanto indicato nella Dichiarazione Intento ricevuta. Non occorre acquistare il modulo Dichiarazione di Intento ma occorre adeguare la procedura (di CONTROLLO PLAFOND) prenotando un intervento a questo link (installazione e formazione a consuntivo, alle tariffe in uso) Questo aggiornamento è disponibile solo per le versioni software 4.2 e 5.0.

Ecco un breve diagramma che riassume le diverse situazioni

Vai al modulo d’ordine o prenotazione intervento